in inghilterra anche gli operai sono dei lord

qui la vita nella metropoli tentacolare procede. lavoro da mane a sera, mi aggiro per le strade nella pausa pranzo con la tessera dello studio (con tanto di nome e foto) al collo, ho il passo frettoloso da londinese consumata.
gli inglesi, certe volte, sono semplicemente stupendi quando rintrano nel cliche` dell’Inglese Lord che beve il the alle cinque e ti chiede scusa anche se sei tu a pestargli un piede. questa mattina, andando al lavoro, un operaio mi ha salutata togliendosi il casco. togliendosi il casco. e lo ha fatto con un gesto di perfetta eleganza come se avesse tra le mani una bombetta. sono rimasta semplicemente deliziata. per non parlare dello spazzino, che quando gli sono passata davanti ha accennato un inchino e ha esclamato "goodmorning!". in italia al massimo ti fischiano, sottolineando il loro apprezzamento nei tuoi confronti con un rutto, una grattata alle chiappe e una gomitata all’amico operaio piu` vicino, il quale (senza casco che tanto non serve) tiene tra le labbra un mozzicone di sigaretta e annuisce.
non c’e` paragone.
 
ieri pomeriggio io e la mia capa siamo andate a conoscere il migliore fotografo di architettura in circolazione, e abbiamo avuto l’incredibile fortuna di trovarci un tassista di cento anni che non sapeva la strada. guidava con una mappa di londra appoggiata sul volante e si fermava ogni due passi con gli occhi pieni di angoscia e lacrime. nel sedile posteriore si sprecavano le crisi di riso.
il fotografo, tra le altre cose, mi ha offerto un bicchiere di vino bianco e il pranzo. mi sentivo molto figa. e la mia spiritosaggine italiana ha riscosso un enorme successo.
 
fotografo: allora, suoni qualche strumento?
clara: beh, non esattamente. una volta all’asilo ho suonato il triangolo, e lo ricordo ancora come uno dei pomeriggi migliori della mia vita.
fotografo e capa ridono per oltre mezzz’ora.
 
quando non sono al lavoro, o in metropolitana, o a camminare frettolosa, o in un pub a bere pinte di birra e a ridere fragorosamente, mi chiudo in casa mangiando biscotti al cioccolato e vedendo vecchi film commoventi. le gocciole e i pandistelle sono stati sostituiti dai digestive al cioccolato fondente. orgasmo gastrico.
 
simpatiche vicende claresche:
da un po’ di giorni non trovavo le mie scarpe viola. le ho cercate praticamente ovunque,ed abitando in un monolocale sono poi arrivata ad una saggia conclusione: non ci sono piu’. la loro scomparsa coincideva con il giorno in cui la donna delle pulizie aveva fatto la sua annuale pulita. me le ha prese lei. e’ polacca o giu’ di li’, le mie all star le saranno sembrate simbolo dell’america, dell’occidente consumista, del capitalismo. le ha fatte sparire. un esproprio proletario, insomma.
poi, questa mattina ho guardato l’oggetto con cui divido il letto matrimoniale: un sacchetto del supermercato.
ero troppo pigra per togierlo, non mi dava alcun fastidio nel suo angolino ai miei piedi, e persino l’idea di calciarlo via mi faceva fatica. da circa una settimana dividevamo amichevolmente le notti, insomma. poi piu’ che la pigrizia pote’ la curiosita’: ci ho guardato dentro. e c’erano le mie scarpe. bizzarro, non ci avevo pensato.
l’idea romantica dell’esproprio proletario e’ crollata, un po’ mi ci ero affezionata. mi sentivo molto comunista.
 
qualcosa mi dice che dovrei tornare a lavorare, ma non avete paura: la terza puntata delle mie mirabolanti avventure londinesi arrivera’ a breve.
 
 
 

Informazioni su claspita

https://claspita.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

10 risposte a in inghilterra anche gli operai sono dei lord

  1. GL ha detto:

    Ecco, subito sospettare di me, povera Linda che tenere lindo tuo monolocale; tu italiana razzista, magari votato per Lega. E poi io non sa che fare di tue scarpe, io solo compra scarpe di alta moda pezzotte che mia sorella comprare in mercatino di Secondigliano di Napoli. Curva mach!

  2. GL ha detto:

    (Curva mach ovviamente riferito non a situazione contingente, ma a scenario internazionale in suo insieme: mio marito disoccupato in Krakow -lui idraulico polacco che Francia temere-, potere d\’acquisto che va giù e inflazione che va su, scetticismo di mio governo verso Europa)

  3. Cler ha detto:

    ahahaha questo è davide e se non è davdie è comunque un genio.
    curva mach!
    ahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahaha
     
    (devo dire che gli inglesi sono facili al riso. abbonda sulle loro labbra la voglia di dire: ehi, clara. dicci una delle tue perle. questo è segno di profondo amore verso di te. oppure la capa ce sta provà, puoi sempre starci. avventura lesbo-british.)

  4. Cler ha detto:

    curva mach! ahahahahahahaha
     
    riderò per i prossimi quarantacinqueanni.
    cazzo.

  5. GL ha detto:

    (Cler, perché ti fa ridere tanto? Ridi pure, ma non ripeterlo ad alta voce in presenza di polacchi; magari ne acchiappi uno che è figlio di curva, e si offende… XD)

  6. Marco ha detto:

    Ancora Ancora Ancoraaaaa!

  7. GL ha detto:

    Idraulico francese, tu non distingue raccordo da tre ottavi da flessibile per fare curva. No, Linda, no curva in quel senso. Curva in senso di cosa non dritta. Linda, prego tu non fare battute su mie cose non dritte. Se tue cose fossero meglio conservate, mie cose sarebbero più dritte. E basta con beghe matrimoniali in pubblico: noi idraulici abbiamo reputazione da difendere!

  8. clara ha detto:

    Se tue cose fossero meglio conservate, mie cose sarebbero più dritte.
     
    (crisi di riso a stento soffocata. penseranno che sono pazza. l\’LCC a cui dovrei essere davanti non fa troppo ridere)

  9. GL ha detto:

    Ti faccio rrrrridere? Ah, ti faccio rrrrridere? Minchia Johnny, alla picciotta la faccio rrrridere…😄

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...