sembrava il treno anch’esso un mito di progresso.

in questo momento vi scrivo dal treno, su carta e penna, come un’antica amanuense.
sto tornando da Bologna, dove ho rivisto l’uomo della mia vita, mostrandogli peraltro la mia classe innata, la mia leggiadria mentale e fisica, in pratica servendogli su un piatto d’argento una serie di gaffes che Mike Bongiorno mi fa un baffo. lui, dal canto suo, ha capito e non ha infierito.
comunque -come sempre- sui treni ho fatto amicizia, essendo io una persona che sprizza socievolezza da tutti i pori, e ho notato che con me la gente tende inspiegabilmente ad aprirsi e a raccontare tutta la propria vita. un tizio all’andata mi ha raccontato dagli albori della sua esistenza fino al giorno prima della partenza per Bologna in cui, se vi interessava, aveva discusso con la sua ragazza. so tutto anche sulla sua ragazza. e sul poker. ha lungamente discusso anche sul basket, ma lì ho disconnesso il cervello limitandomi ad annuire.
in questo momento mi risulta un pò difficile scrivere in quanto il treno non fa altro che fare tum-tum (vabbè, i treni non faranno tum-tum, ma di certo non fanno neanche ciuf-ciuf) sballottandomi da una parte e dall’altra della carrozza, nonostante sia seduta. com’è possibile? non lo so spiegare, di preciso. con me le leggi fisiche sembrano non funzionare.
posso solo confermarvi un luogo comune sui maschi:

"potremmo chiedere informazioni."
"no."
[…]
"potremmo chiedere informazioni."
"no."
[…]
"potremmo chiedere informazioni."
"no."
[…]
"cazzo, chiedi informazioni."
"mi scusi, per la stazione?"
(dando di gomito alla moglie) "AHAHAH! vorreste andarci a piedi? da qui? AHAHAH!"

per i prossimi sei mesi probabilmente quel signore e sua moglie si faranno grasse risate pensando a quei due poveri coglioni sperduti.

ah, il concerto di Gary Moore è andato divinamente. è stata dura convincere il mio migliore amico che, no, non sarei salita nuda sul palco per convincere Gary a regalarmi la sua chitarra per lui, ma in compenso si è notato che una fanciulla munita di minigonna svolazzante può sempre passare avanti.
scanso a equivoci, la fanciulla in questione sarei io, non dave.

 

Informazioni su claspita

https://claspita.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

19 risposte a sembrava il treno anch’esso un mito di progresso.

  1. GL ha detto:

    Basta con questi luoghi comuni sui maschi! Non è vero che preferiamo smarrirci in periferie malfamate piuttosto che chiedere informazioni, e con tutte le elaborazioni sull\’attentato alla nostra virilità e autorevolezza che stanno alla base della faccenda.
    Prendete me: io sono dispostissimo a chiedere informazioni quando mi perdo; il fatto è che non mi perdo mai…
     
    (PS: uomo che ti dirigi invano verso una meta! Sì, dico proprio a te! Sei stanco di perderti sempre e ovunque, anche nel tuo monolocale, e rimediare figuracce con la tua bella? Ho l\’oggetto che fa per te! Un GPS ultraminiaturizzato a comando vocale da nascondere sotto il plantare delle scarpe; quando vuoi andare da qualche parte non devi far altro che scandire chiaramente ad alta voce l\’indirizzo di destinazione, e il GPS farà vibrare un attuatore sotto il piede destro o sinistro, secondo la direzione da prendere. Così arriverai a destinazione in un battibaleno, senza doverti abbassare a chiedere indicazioni al fruttivendolo rimbambito o al tamarro che fa gli occhi dolci alla tua ragazza. Vendo anche attuatori profumati per chi ha problemi di sudorazione ai piedi)

  2. GL ha detto:

    Errata corrige: "Non è vero che" dovrebbe essere sostituito con "Basta con questa storia che". Per la foga di vendere la mia nuova invenzione ho aggiunto il commento senza rileggere…😄
     
    Ah, quanto all\’invenzione: brevetto in corso di registrazione! [segue occhiata minacciosa] (e questa è una citazione)

  3. ___ _Smemo is a Punk Rocker. ha detto:

    Mi piace un sacco Bologna.
     
    Non so chi sia Gary Moore.
    Non lapidatemi in piazza, perfavore.

  4. clara ha detto:

    Gil, il punto è che siete sempre convinti di sapere la strada. e sfottete pure il (il mio, ammetto, scarsissimo) senso dell\’orientamento delle fanciulle che vi accompagnano.Fata smemorina, sei perdonata, lo conosce un gruppo ristretto di eletti amanti del blues. o di ristretti* eletti che hanno un migliore amico che procede a squarciare il loro velo di ignoranza. l\’età media del concerto era ben alta, comunque.*l\’avete colta? eh?eh? è perchè sono bassa. vabbè.

  5. clara ha detto:

    per la cronaca comunque io sono dell\’idea che valga sempre la pena di perdersi, se no non c\’è gusto.

  6. gabbriella ha detto:

    perdersi porta smepre a mirabolanti avventure…mai quanto chiedere informazioni però..
    piccola avventura di gab e una sua amica:
    gab: "scusi..sa dov\’è la Taverna vecchia del maltese?"
    tizio: "andate a piedi?"
    gab: "si.."
    tizio: "allora è lontana"–>detto questo si gira e se ne va
     
    u.u

  7. вяeακιиg тнe ѕuиѕнιиe ha detto:

    losapeviche: durante la diffusione dei primi treni a vapore le persone credevano che la troppa velocità facesse male anche solo a guardarli passare?bizzarra la gente a quell\’epoca,eh?pensare che andavano a 70 all\’ora.e comunque – io che ho la ferrovia accanto al banco – i treni non fanno tum tum. al massimo fanno tuuuuuuuuuuuuu.ma ciuf ciuf solo nei fumetti.o durante la rivoluzione industriale…

  8. clara ha detto:

    gab, non ho parole.claudia, quando sei sopra fanno tumtum. te lo dico io che nelle ultime due settimana ho preso un totale di sette treni. comunque io la ferrovia ce l\’ho sotto la finestra di casa, sai com\’è.😀

  9. gabbriella ha detto:

    si in effetti fanno tum tum quando stai sopra..
    clara..la gente è strana..ci mandò male però..notevol emancanza di fiducia da parte del tizio
    *_*

  10. GL ha detto:

    Non fanno tum tum. Fanno tutum-tutum, con le t del primo tutum più sonore, quelle del secondo più sorde (ma potrebbe trattarsi di un\’illusione uditiva, come il tic-tac delle lancette dell\’orologio secondo Oliver Sacks).
     
    Cavolo, fino ad ora nessun acquirente del mio GPS plantare (naturale evoluzione del GPS palmare).😦

  11. VAL ha detto:

    scrisse la donna che vignettò(ovvero disegnò una vignetta)su una lavagna che troneggia nel ripostiglio della palestra.
    Ma da quanto c\’è quella vignetta che decanta l\’odio per la pallavolo?oggi l\’ho notata e mi son messa a saltellare:"hey hey tu bzxzzz guarda quella vignetta ti piace ti piace eh?eh?L\’ha fatta una mia amica e io ne ho una nel portafogli tu no eheh invida ne?"
    tizia bzxzzz:"ahehm uhm carina,Vale tutto bene?"
    fine dell\’idilio
     bzxzzz non conosce Clara,mpfui.

  12. VAL ha detto:

    comunque è vero,gli uomini non chiedono MAI informazioni.

  13. VAL ha detto:

    devo avere quel libro,devo avere quell\’uomo.Chezzo.

  14. Isabella ha detto:

    "Gil, il punto è che siete sempre convinti di sapere la strada. e sfottete pure il (il mio, ammetto, scarsissimo) senso dell\’orientamento delle fanciulle che vi accompagnano."
     
    Verissimo…
     
    Altri esempi:
     
    Io: "ma la conosci la strada?"
    Lui: "si va di qua.."
    Io: "di qua dove? ma ci sei già passato?"
    Lui:"di  qua! No, non ci sono passato, ma mio zio mi ha detto che c\’è una strada, ed è anche logico perchè la direzione giusta è questa"
    Risultato. 2 ore a girare su una sopraeleveta che sembrava una tangenziale, ma sembrava, non lo era.. all\’1 di notte.. in una zona da me poco conosciuta, buia e senza cartelli! Dopo \’na serie di vituperii non so come sono riuscita a tornare al punto di partenza e da lì a tornare a casa. C\’è di buono che quando mi rompo e voglio torna\’ a casa.. la strada la trovo sempre da me.. nonostante i sabotaggi😛
     
    Non tiro in ballo i miei fratelli altrimenti si fa mattina🙂

  15. beatrice ha detto:

    Gabby ha ragione, chiedere informazioni può essere pericoloso.
     
    Gita di III superiore. Beatrice e compagne di classe si perdono allegramente nella strada verso il duomo. Una delle compagne di classe va a chiedere in un bar. I posteri così narrarono la scena."Scusi, mi sa dire dov\’è il duomo di Ferrara?"
     
    Peccato che fossimo a Ravenna.

  16. clara ha detto:

    va bene, abbiamo stabilito che i treni fanno tutum-tutum.vale, mi sembra di capire che tu abbia scoperto la vignetta che ho fatto sulla lavagna della palestra, accanto agli schemi di pallavolo..isa, cara mia, ti risparmio gli innumerevoli io: "ma per me si dovrebbe andare di qua.."(indicando la giusta direzione)lui: "MA NO!non vedi? abbiamo fatto così, poi così, poi così, poi girato di qui e poi di là (tracciando segni incomprensibili in aria) e ora stiamo andando giusti, anzi, giriamo a destra"io, chiaramente affascinata, ho diligentemente girato a destra con lui.dopo poco eravamo immersi in discorsi su quanto sia divertente perdersi in città sconosciute.bea, quello è puro genio.

  17. VAL ha detto:

    siiii proprio quella!Beh è  una vignetta gnocca,e ho riso.Poi mi sono girata e ho trovato la Profe:"Visto che i materassini ti fanno così ridere,perchè non ne porti altri due?"
    ….è il prezzo che si paga

  18. gabbriella ha detto:

    povera Vale..vittima dell\’arte.. u.u
    Bea…voglio conoscere quella donna!!😀
    cmq..il trucco per nn sembrare turisti a firenze, o semplicemente "stranieri" è nn fare foto..e snobbare s.maria in fiore sedendosi cn nonchalalnce (ormai sn una maestra) sui suoi gradini.
    il risultato sarà "scusa..sai dov\’è via medici?"
    o.O–>questa ero io dopo la domanda..indecisa se spezzare il cuore alla fanciulla che mi aveva chiesto l\’informazione così candidamente

  19. VAL ha detto:

    ahahaha anche io ho snobbato tutto quanto e ho fatto un\’unica foto a santa qualcosa santa croce maybe,per mia mamma.Almeno era sicura che fossi stata a Firenze scusa!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...